Microcelebrity case history #1 MAGIBON

Verrebbe facile citare Warhol con i suoi ’15 minuti di celebrità’… per lui il riferimento era la tv, in queste case histories parleremo invece di notevoli volumi di visite su YouTube e di microcelebrità.

Magibon

La ragazza che si nasconde dietro il nome di Magibon (canale /mririan su YouTube) è il primo caso di cui parleremo qui su Graphic. Di lei volendo c’è da dire tanto, ma per i pettegolezzi vi lasciamo cercare la sua pagina su Wikipedia. È interessante soffermarsi però (come se ce ne fosse ancora bisogno) sulla potenza di Internet, che ha permesso ad una sconosciuta con occhi da cartone animato di affermarsi come “celebrità” di YouTube.

La sua particolarità, oltre, è evidente, alla fotogenia conferitale dagli ‘occhioni’ e dai capelli lisci stile asian (Magibon non è giapponese!), va ricercata nel fatto che per sua geniale intuizione, o necessità (per non far vedere la dentatura imperfetta?), non parla(va) praticamente mai nei suoi video, lasciando chi guarda solo ‘ipnotizzato’ dal suo sguardo, col quale gioca e ammicca, consapevole dell’impatto, regalando al massimo un saluto (rigorosamente in giapponese).

Magibon steps

Con il passare dei mesi e poi degli anni Magibon è però diventata una piccola star (ai tempi d’oro di qualche anno fa, c’erano diversi milioni di visite per video), è stata ospite di talk-show in Giappone, sua patria adottiva a questo punto, ultimamente testimonial per un mascara (geniale la scelta della ditta Nawo Beauty di affidarsi ad un personaggio nato dal web, sempre che sia andata così…) e in uno dei video più recenti, ci guarda con aria di superiorità dall’alto di un grande led-wall accompagnando il segnale orario per gli indaffarati passanti delle strade di Tokyo. Un bel salto per una ragazza con una webcam e una connessione Internet, no?

Non avere paura di mettersi in gioco insomma, mostrarsi con la faccia, anche se non si hanno denti perfetti, come lei, va di pari passo con il web 2.0 (natura che se assecondata nel modo giusto, porta risultati, come vedremo anche nei prossimi articoli).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin